Addò vè stu pacce?, di Mimmo Pastore

Per un errore di revisione editoriale, il testo di Mimmo Pastore presente nel Libro Soci 2018 contiene delle imprecisioni di cui ci scusiamo con lui. Per correttezza ripubblichiamo qui il testo corretto così come ce lo ha consegnato.

Addò vè stu pacce?

L’ème viste fùscere de presse
sope u stradone: Addò vè stu pacce?
Ère viste ‘nguna cose ca nan ce ème
capìte. À tucchéte i culonne da chiazze
i può, cume a june ca s’à despiasciute,
s’à ‘rrenùte. A rummèse pi spadde appuscète
o mure a vedè i màchene passè.
Cessà c’ère viste…

U vinde scutulève i foglie de l’àrue da ville.
U munne turnève normale
u sòlete tran tran de tutte i dígghie.

Traduzione in italiano:

Dove va quel matto?

L’abbiamo visto correre di fretta
sullo stradone: Dove va quel matto?
Aveva visto qualcosa che non abbiamo
capito, Ha toccato le colonne della piazza
e poi, come uno che si è dispiaciuto,
si è arreso. È rimasto con le spalle appoggiate
al muro a vedere le macchine passare.
Chissà che ha visto?

Il vento scuoteva le foglie degli alberi della villa.
Il mondo tornava normale
il solito tran tran di tutti i giorni.

Libera reinterpretazione, nel dialetto di Locorotondo, della poesia “An dua val stu matt” di Cesare Zavattini in “Stricarm in d’na parola”, 1973, Ed. All’insegna del pesce d’oro

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>