Elvio Ceci su Famiglio

Condividiamo, dal blog di Elvio Ceci, questa nota a Famiglio di Pierpaolo Miccolis.

…è un libro d’arte in cui all’interno si ritrova un esercizio a la Queneau ma di acquarelli in cui figure di animali (principalmente rapaci, come il barbagianni e l’assiolo; ma anche un gatto) vengono elaborati con colori e figure differenti. Ma sempre elegantemente nuove e sorprendenti. C’è un’inquietudine logica nei sui disegni, forse data dallo spirito di ricerca che si percepisce nelle opere. Nelle lingue romanze come in quelle indiane, le Strigidi sono le trasformazioni delle streghe (prima ancora della Dea Madre, come mostra Gimbutas), che si muovono furtive di notte affondando la loro demonicità nell’inganno, nel sogno. Quanto di onirico c’è nelle raffigurazioni di Miccolis!

[leggi qui]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>