Vedi il carrello “Ordine e Mutilazione” è stato aggiunto al tuo carrello.
copertina_pasquandrea

Approssimazioni e Convergenze

 10,00

Autore: Sergio Pasquandrea

CAMEO

Fra pochi pochissimi istanti
l’azzurro tornerà a campire
basterà niente una torsione
di qualche grado

e tutto crollerà la palpebra
potrà abbassarsi finalmente
il sangue tornare a scorrere
compiersi l’espirazione

sarà il disastro l’irreparabile.

COD: 978-88-99076-26-9 Categoria: Tag: ,

Descrizione prodotto

Sergio Pasquandrea

Qual è il limite estremo della parola poetica? Fino a che punto essa può smaterializzarsi nell’astrazione e quanto, invece, può aderire alla cosa in sé? È possibile tendere i rapporti semantici, rimanendo però il più possibile vicini alla corporeità? Questo libro è un’esplorazione sulle potenzialità della parola. Si articola in due parti, distinte ma speculari: la prima, Approssimazioni, ha come asintoto il corpo femminile, che è sé stesso, nella sua fisicità più erotica, ma si identifica anche con la Parola assoluta; la seconda parte, Convergenze (sottotitolo “Contributo a una storia della Bellezza”), si misura con una serie di quadri del Rinascimento, ai quali i versi danno voce, nel tentativo di circumnavigare quell’esperienza di per sé ineffabile che è il Bello.
Nel suo corpo a corpo con il Senso, “Approssimazioni/ Convergenze” vuol proporsi come un’utopica coincidentia oppositorum: massima esattezza descrittiva e, insieme, massima astrattezza speculativa.

Illustrazioni di Michela Neglia e Sergio Pasquandrea

Sergio Pasquandrea (San Severo, 1975) vive e lavora a Perugia, dove insegna lettere in un liceo. Si occupa inoltre di giornalismo musicale in ambito jazz. Ad oggi ha pubblicato le plaquette Topografia della solitudine (Fara) e Parole agli assenti (Smasher), e le raccolte Approssimazioni (Pietre Vive), Oltre il margine (Fara) e Un posto per la buona stagione (qudu) oltre a numerosi testi in riviste e antologie. È inoltre autore del libro di racconti jazz Volevo essere Bill Evans (Fara) e del saggio Breve storia del pianoforte jazz. Un racconto in bianco e in nero (Arcana).

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “Approssimazioni e Convergenze”