Ordine e Mutilazione finalista al premio Solstizio

Ordine e Mutilazione finalista al premio Solstizio

Dopo un mese e mezzo di letture e consultazioni, ecco i dieci libri finalisti della IV edizione del Premio Solstizio all’opera prima, organizzato dall’associazione Libero de Libero. Fra gli altri la nostra Elena Zuccaccia con Ordine e Mutilazione.

Il vincitore verrà decretato a settembre, da una giuria formata da Lino Angiuli, Claudio Damiani, Rodolfo Di Biasio e Davide Rondoni e Lorenzo Babini.

[Leggi qui l’articolo]

Silva su Poliscritture

Silva su Poliscritture

Recensione di L’adatto vocabolario di ogni specie di Alessandro Silva su Poliscritture, a cura di Luigi Paraboschi.

E di fronte a tanta sciagura può ben poco un libro di poesie, lo sappiamo, ma anche in Omero prima di parlare della guerra di Troia forse sarà nata la stessa angoscia, eppure se noi conosciamo quei fatti dolorosi lo dobbiamo a lui, alla sua capacità di restituirli alla nostra memoria, proprio come fa Silva che possiede il dono di una scrittura priva di retorica e di demagogia, e che rivela l’influsso di ottime letture, come mi pare di aver intuito da questa poesia che ha una cadenza da “Mari del sud” di pavesiana memoria.

[Leggi l’articolo qui]

Wunderkammer su Lankenauta

Wunderkammer su Lankenauta

Oggi su Lankenauta, una recensione di Wunderkammer di Carlo Tosetti a cura di Ettore Fobo.

Interessante esperimento questo prosimetro intitolato “Wunderkammer, opera terza del poeta Carlo Tosetti, dopo “Le stelle intorno ad Halley” (2000) e “Mus norvegicus(2004), edito nell’aprile 2016 da Pietre Vive Editore, con l’introduzione di Antonio Lillo e le illustrazioni di Ale – Ale. È l’invenzione di un linguaggio sofisticato che condensa in sé numerose variabili culturali, conferendo al testo una densità che  si rivela traccia di  una ricchezza espressiva che sa appassionare per la forza delle suggestioni filosofiche, mitologiche, biologiche, etologiche,  storiche  che sono la sostanza del libro, strutturato intorno a dei precisi nuclei tematici. Aiutano a penetrare queste atmosfere anche le belle immagini di Ale + Ale.

[Continua a leggere sul sito]

Luce a Sud Est – il bando a settembre

Luce a Sud Est – il bando a settembre

Molti ci chiedono quando partirà il bando della V edizione a Luce a Sud Est, concorso di scrittura sociale.

Avvisiamo i nostri lettori che in sede redazionale abbiamo deciso di rimandarne il lancio a settembre. Farlo uscire a maggio è una tortura per chi deve apprestarsi a scrivere o rivedere un testo in piena estate e dilata di molto i tempi di uscita del libro, che prima della primavera successiva non può essere pronto. Quindi meglio, secondo noi, lanciare il bando a settembre, chiudere il concorso a Natale e poi far uscire il libro vincitore a primavera. Tutto diventa più concentrato. Finora abbiamo pubblicato due libri di narrativa e due di poesia, tre dei quali di esordienti. Sono libri piccoli ma meritevoli, alcuni molto molto ambiziosi. E il fatto che ci sia chi ci chiede quando torneremo non può che farci piacere. La strada magari non è la maestra, ma porta ugualmente alla meta.

Labiali su Carteggi Letterari

Labiali su Carteggi Letterari

Pillole di poesia dedicata a Labiali di Paolo Castronuovo su Carteggi Letterari. A cura di Ilaria Grasso.

Spesso ci si domanda chi farà il primo passo, dei passi compiuti, quelli che non si è voluti o potuti fare. In questa poesia di Castronuovo troviamo la bellezza della coerenza proprio nella metafora dei piedi. Diventano sostegno di corpi e di idee che diventano azioni producendo coerenza dunque autorevolezza, fiducia, bellezza, bene. La bellezza cantata è vera, autentica e sfacciata proprio come il vero quando non lo si può più nascondere. Quando viene alla luce essa inonda con tutto il suo chiarore e allora sì che possiamo davvero vederla, “al volto”.

[leggi su Carteggi Letterari]

Labiali su Helter Skelter

Labiali su Helter Skelter

Recensione di Labiali di Paolo Castronuovo pubblicata oggi su Helter Skelter.

Tutto ciò che passa per le labbra riguarda il gusto, la fame e la sete, riguarda la seduzione e il piacere; riguarda il linguaggio ma non necessariamente quello verbale.
I labiali di Paolo Castronuovo sono a volte mormorii, di quelli che si pronunciano quando si parla a se stessi, a volte tracimazioni, a volte deflagrazioni, anche se lucide e controllate…

[continua a leggere qui]

Pietre Vive al Salone del Libro di Torino

Pietre Vive al Salone del Libro di Torino

Per il secondo anno di fila Pietre Vive sarà al Salone del Libro di Torino, dal 18 al 22 maggio, ospite dello Stand della Regione Puglia (Padiglione 2, Stand J138-K137). Sarà un modo per portare, in piccolo ma con orgoglio, un pezzetto della nostra cultura e del nostro talento al di là degli stretti confini regionali.

In particolare sabato 20 alle 13.00 Pietre Vive ha organizzato al Salone un reading, #voceallapoesia, con alcuni autori rappresentativi della giovane poesia italiana di area centro meridionale: Alessandro Silva, Antonio Lillo, Elena Zuccaccia, Elvio Ceci e Alessandra Romagna, Maria Nardelli.

Durante l’incontro parleremo anche di B.Digital, progetto vincitore di Funder35 nel 2015, col quale realizzeremo i nostri primi audiolibri, che di sicuro presenteremo al nostro prossimo Salone.

Subito dopo, dall’8 all’11 giugno, Pietre Vive sarà ospite del Piccolo Festival della Parola che quest’anno (dopo Otranto, Ostuni e Trani) avrà sede a Noci. Pietre Vive sarà presente con uno stand per tutta la manifestazione e durante la serata dell’11 giugno Antonio Lillo e Alessandra Neglia presenteranno il nostro progetto editoriale.

[L’immagine usata inv copertina è opera di Vittorino Curci, per gentile concessione]

Roberto Corsi recensisce Wunderkammer

Roberto Corsi recensisce Wunderkammer

Recensione di Wunderkammer di Carlo Tosetti a cura di Roberto R. Corsi

Questo volume si presenta al lettore come una sfida: iper-testuale, aggettivo che ho usato in precedenza, va inteso nell’accezione atecnica di obbligare verosimilmente anche il lettore con più conoscenze a lasciare il testo e approfondire i termini e i riferimenti impiegati dal poeta. Tuttavia, accettando la tenzone ed entrandone nel profondo, si svelano anche tratti pianeggianti e suggestioni fin sulla soglia della meditazione esistenziale.

[contina a leggere qui]